venerdì 11 luglio 2014

Cosa fare quando un cesto si asciuga a metà lavoro


cesto in lavorazionefoto: Ilaria Patelli

Da quando ho iniziato a scrivere su questo blog mi sono accorta di avere l'istinto di condividere con il resto del mondo i piccoli segreti che pian piano ho scoperto sulla cesteria. Sarà forse perché imparare è difficile, o forse perché è ancora più difficile trovare qualcuno disposto a insegnare.
Sarà che il sapere legato a quest'arte antica è ormai nelle mani di poche persone, molte delle quali anziane (e qui mi riferisco all'Italia, perché all'estero le cose stanno diversamente!), e che stiamo rischiando di dimenticare le tecniche di uno dei mestieri tradizionali più affascinanti della nostra civiltà.
In ogni caso io, nel mio piccolo, sto cercando di dare il mio contributo: cerco di acquisire più conoscenze possibili e di tramandarle a mia volta.
Per questo da oggi voglio raggruppare tutti i miei post che parlano di trucchi e tecniche di cesteria sotto una nuova etichetta: tecniche di intreccio.
Voglio dedicare questa nuova rubrica principalmente ai curiosi e ai miei pupilli, che sono certa troveranno in queste pagine spunti per migliorare e per esercitarsi. Questi post infatti non vogliono essere vere lezioni di cesteria, almeno non per il momento. Saranno per lo più suggerimenti, trucchi, consigli per chi ha già qualche base e vuole approfondire. Per i corsi di cesteria potete sempre contattarmi, le iscrizioni sono sempre aperte!
Tenete solo conto di una cosa: ciò che vi racconto giorno per giorno è frutto di ciò che sto imparando. Non ho la pretesa di essere un'esperta. Al contrario, se mai qualche cestaio con più esperienza di me passasse da queste parti, non mi dispiacerebbe affatto ricevere a mia volta consigli, per poi ri-pubblicarli!

Ma venendo a noi, oggi voglio darvi qualche dritta su un argomento abbastanza basilare.

Cosa fare quando un cesto si asciuga a metà lavoro


Intrecciare un cesto dall'inizio alla fine è un'attività lunga e complessa, che richiede diverse ore (in media per me 4 o 5). A volte però capita di non calcolare bene la propria disponibilità di tempo o di dovere interrompere il lavoro. Che fare?

rami al naturale
un cesto realizzato con materiale non sbucciato non va MAI interrotto e fatto asciugare a metà lavorazione. L'unica eccezione è fatta per il fondo, che può essere realizzato e lasciato asciugare in attesa di momenti migliori. In seguito si potranno inserire i montanti facendo attenzione a non rompere l'intreccio secco (e quindi delicato) e proseguire con le pareti e la chiusura.
fondi cesti

La spiegazione è semplice: la buccia del salice (ma anche delle altre piante) si deteriora facilmente, e non sopporta di essere bagnata due volte. Per questo una volta secco non possiamo mettere di nuovo a bagno il lavoro per farlo ammorbidire!
Se ormai il danno è fatto e siamo a metà delle pareti, l'unica soluzione è tagliare via tutta la lunghezza avanzata dei montanti e inserirne dei nuovi nella fessura accanto a quelli vecchi. A questo punto si può riprendere il lavoro.

rami sbucciati
Un cesto bianco invece può tranquillamente essere bagnato più volte, tant'è che i rami si asciugano con grandissima rapidità, e quindi, anche durante l'intreccio, è bene tenerlo sempre bagnato immergendolo in un secchio o con uno spruzzino.
Il vantaggio è che un cesto bianco può essere tranquillamente interrotto in qualsiasi punto e ripreso successivamente dopo averlo ben bagnato. Affinché il materiale torni alla sua elasticità non serve tanto tempo in acqua, a seconda della dimensione dei rami possono volerci da pochi minuti a un'ora. Per fare questo è indispensabile avere a disposizione un secchio d'acqua (se il cesto è abbastanza piccolo da poter essere immerso). Se il cesto è troppo grande, o se volete passare qualche ora all'aperto, potete portare il vostro lavoro al fiume e tenerlo immerso finché non sentite che i rami hanno ripreso elasticità (come ho fatto io intrecciando la mia borsa).

cesto ribagnato


Ecco, questo è tutto. Se vi è rimasto qualche dubbio o se avete qualche altra domanda, sappiate che potete chiedermi tutto quello che vi passa per la testa. Se avete qualche curiosità da soddisfare sarò felice di farlo in un prossimo post!

4 commenti:

  1. sei straordinaria!
    E' una tecnica che mi ha sempre affascinato e di certo ti chiederò informazioni!
    Mi piacerebbe resaturare una poltroncina in vimini che ho trovato in discarica (e che mi sono caricata in macchina senza pensarci due volte!).

    Ora si trova nel mio vecchio appartamento, ma appena la recupero posso mandarti una foto così mi suggerisci se si può fare qualcosa?

    RispondiElimina
  2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  3. Sei bravissima ! sono colpita dalla tua capacità di intrecciare, fai delle cose bellissime ! Un vecchio signore, anni fa, mi aveva un po' insegnato e sono riuscita a fare un portapenne, un piccolo cestino.... Mi piacerebbe saper fare le cose che fai ! complimenti !!!

    RispondiElimina